Obiettivi: classificazione per lunghezza focale

Dopo aver parlato della lunghezza focale possiamo procedere ad una classificazione delle ottiche in funzione di questo parametro.
E' stato detto che per il pieno formato un'ottica che ha una focale di 50mm è in grado di riprendere una scena molto simile a quella che si vede con l'occhio umano. Per questo motivo tale lunghezza focale viene detta normale.
A dire il vero le definizioni del normale sono tantissime, ad esempio si definisce normale quella lunghezza focale che è pari alla diagonale del sensore/pellicola su cui focalizza. Quindi ad esempio per il pieno formato, che è pari a 24mmx36mm si avrebbe il valore della diagonale pari a 43mm, che viene approssimato appunto ai 50mm.
Per le nostre finalità comunque, senza scendere troppo nel dettaglio, è più che adeguato riferirsi all'angolo di campo.

Ottiche che invece hanno angolo di campo maggiore del normale, ovvero ottiche che catturano di più di quanto siamo in grado di vedere con i nostri occhi, vengono dette grandangolari. La loro lunghezza focale quindi è inferiore ai 50mm e ad esempio sono grandangolari le seguenti focali: 35mm, 24mm, 20mm e così via.

Ottiche che invece hanno angolo di campo più piccolo del normale, ovvero ottiche che catturano meno di quanto siamo in gradi di vedere con i nostri occhi, vengono dette teleobiettivi. La loro lunghezza focale quindi è superiore ai 50mm e ad esempio sono teleobiettivi le seguenti focali: 105mm, 180mm, 300mm

Si fa presente che quanto riportato in queste pagine è valido per il pieno formato, ovvero per il rullino che si monta nelle reflex quali la F100 o la EOS 300, oppure il formato FX digitale di Nikon. Considerazioni sui diversi formati di immagine sono disponibili qui.

Se adesso consideriamo un altro formato, ad esempio l'APS-C, che è molto diffuso nel mondo delle refelx digitali, possiamo fare le stesse considerazioni precedenti. Partiamo dalla focale normale. In questo caso dovremmo identificare quale focale su sensore APS-C ci dà un angolo di campo che è prossimo a quello dell'occhio umano. Facendo due conti o consultando appositi tool online possiamo subito vedere che un 35mm ci dà un angolo di campo di 44,7° contro i 46,8° del normale in pieno formato. Siamo quindi molto prossimi al valore e possiamo dire che la focale normale per il formato APS-C sia 35mm.
A dire il vero però se applichiamo la definizione di normale, definito come quella lunghezza focale che corrisponde alla dimensione della diagonale del sensore, allora avevamo visto che sul pieno formato questo era un 43mm, che pero comodità viene approssimato a 50mm, non essendo mai stati commercializzati obiettivi da 43mm (o quantomeno non sono mai stato tanti diffusi come il 50mm). E allora l'angolo di campo di un 43mm in APS-C corrisponde a quello di un 28mm.

Onestamente non ho mai capito a quale delle due versioni dare più credito e anche io personalmente cerco di preoccuparmi poco se sto usando un normale o un grandangolare o un tele, io allungo o accorcio la focale secondo necessità, senza stare a pensare troppo al tipo di lente.
Lascio pertanto al lettore interpretare soggettivamente quale sia il suo normale su formato APS-C, tra il 35 e il 28mm, senza essere pro una misura o l'altra, perché tanto darebbe luogo a fiumi di sterili parole...

Nessun commento:

Posta un commento